Anche a Roma, si fa strada lo Shopping di Prossimità

Quando abbiamo pensato questo progetto, sono stati molti che lo hanno apprezzato ma poi tutti ci facevano presente le difficoltà che avremmo incontrato nel portarlo avanti. Le principali obbiezioni erano: Gli umbri sono storicamente diffidenti e poco propensi al cambiamento; gli esercizi commerciali e gli artigiani non aderiranno mai perché non ci vedranno un guadagno; se era una cosa fattibile ci avrebbe pensato la grande distribuzione organizzata; ma voi dove volete andare, mica siete Amazon.

Vi garantisco che sulle prime abbiamo dubitato della nostra idea anche noi. Poi abbiamo avuto conferma che l’dea era buona quando in altre parti d’Italia analoghe idee venivano discusse nei gruppi di commercianti ed artigiani. Un esempio è “Daje!” la Start-Up che a Roma ha implementato su scala più ridotta (a solo un quartiere di Roma, ma a Roma un quartiere è mezza regione Umbria in quantità di residenti) analoghi servizi a quelli messi a disposizione del nostro Marketplace.

Daje, si occupa principalmente della consegna della merce acquista dai Clienti, mentre il resto è gestito dagli esercenti, con ottimi risultati e la soddisfazione di promotori dell’iniziativa, degli negozianti e dei Clienti. Shopping Umbria, va oltre fornendo un servizio più completo offrendo ai Venditori: la gestione dell’ordine, dei pagamenti, del ritiro e spedizione della merce, all’eventuale gestione del reso.

Un sincero augurio alla Start-Up “Daje!” che opera a Roma. Vi lasciamo con un pensiero su cui riflettere: Dobbiamo nuovamente attendere un evento come la pandemia, con serrande abbassate e casse spente perché gli esercenti comprendano l’utilità di un servizio, o abbiamo imparato qualcosa da questa infinita crisi ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Main Menu